Ortles - via Normale


15 lug 2006
-
16 lug 2006

Uno degli aspetti che più apprezzo dell'andare per monti è il poter toccare con mano, giorno per giorno, il progressivo e costante invecchiamento della terra. In questo modo gli eventi geologici non restano soltanto aride informazioni su noiosi libri di geodinamica, ma rappresentano piuttosto tratti tangibili del susseguirsi dei giorni e delle stagioni sul pianeta.
Sull'Ortles sono salito per la prima volta nel 2001: ora, a distanza di cinque anni, torno sul grande cupolone ghiacciato in occasione di una gita del CAI di Bergamo. Così ho un'incredibile sorpresa, la montagna non sembra più la stessa! Quando ti parlano del ritiro dei ghiacciai non percepisci l'entità del fenomeno, ma quando scopri che in poco tempo al posto di candidi pendii di neve si aprono minacciosi seracchi e grigi muri di roccia, inquadri il fenomeno nelle sue reali dimensioni. E la salita alla vetta diventa ogni volta più difficile ed insidiosa.
Nonostante tutto, la salita al punto culminante delle Alpi orientali resta un'ascensione completa, di grande soddisfazione, panoramicamente molto interessante.


Bellezza:
Partecipanti:
Gita CAI
Meteo:

Solda, rifugio Payer (3029 m) (click per visualizzare la relazione)

Ortles - via Normale (3905 m.) (click per visualizzare la relazione)

Cerca altre gite attinenti in Trentino Alto Adige

Filtro sul tipo di attività:

Filtro sull'area geografica: